Versi per un interrogativo estremo… « Essenza Indivisibile

Versi per un interrogativo estremo…

Riporto qui di seguito con grande onore i versi che la sempre presente Fatina ha deciso di regalarmi dedicando questa poesia alla mia torta ciliegie e crema alla cannella, che ha gradito così tanto che (oopps forse non dovrei dirlo! 🙂 se l’è quasi fatta fuori da sola!!! (Sto scherzando ma apprezzo chi apprezza le mie creazioni!)

 

O povero mortal che guardi e passi,
passa e guarda ordunque
e rimembra come puoi
ciò che nè guardo né favella potran mai narrare,
ché torto farebber al degno esperir dei sensi
di chi,

o eletto
come me,
sorte volle condurre
dinanzi a quel sogno sognato.

Sì sapido era,
di cremoso amor
e frolla dolcezza,
quel dono di oro e rubino,
che i putti tutti
richiamati e confusi
da squilla sì inusual
eppur egualmente divina,
s’affacciaron pien di maraviglia
dal disco celeste
di codesta camera,

amata più che Quella
illustre e magnificata

 

Ed ora,
fratello sventurato,
che hai mirato a lungo
e ben meditato
su ciò che il fato non volle concederti,
per capriccio
o segreta giustizia,
ordunque lascia che io ti interroghi
e ti chieda, cuor in mano:

 

MA CHE CAMPI A FA’!!!

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>